Elecam Explorer Elite la nostra recensione

Questa volta abbiamo il piacere di recensire l’ultima della Elecam la “Explorer Elite“, la casa cinese dopo la “Explorer 4K” e la “Explorer Pro” ha presentato quest’ultimo modello, che detto francamente non aggiunge nulla di nuovo nel panorama delle ActionCam recenti, ma fa un ingresso a gamba tesa proponendo un prezzo veramente basso rispetto alle altre aventi pari caratteristiche. Il corredo di risoluzioni e funzioni è il solito, 4K, 2K, 1080P, stabilizzazione giroscopica e wi-fi… idem per gli accessori in dotazione, ma vediamo con un veloce unboxing cosa troveremo nel bundle!

Untitled design (1)

Per questa recensione, per l’ennesima volta ringraziamo il nostro partner GEARBEST che ci da la possibilità di testare e recensire per il nostro blog vari prodotti. Vi ricordiamo il loro canale Telegram per il mercato Italiano: Telegram Gearbest_Italia

La spedizione è partita il 21 agosto con  la famosa “Italy Express” per chi già conosce lo store, appena una settimana dopo è arrivata a casa mia in Sardegna, non sempre è cosi veloce, quindi non allarmatevi se con voi ci metterà di più, lo standard sono 12-14 giorni. La confezione è molto compatta le dimensioni sono: 24x10x8cm

20160829_174150-COLLAGE

La scatola è composta da due elimenti e si apre come una guaina mostrando al suo interno due scompartimenti, il primo contiene la Explorer Elite all’interno del suo case waterproof, il secondo raccoglie tutti gli accessori ordinati all’interno di piccole bustine trasparenti. Gli accessori sono i soliti che si trovano ormai con tutte queste actioncam, la foto successiva mostra tutto il bundle fuori dalla scatola

20160829_174848

Non c’è un caricatore, è presente solamente il cavo usb potete usare comunque un comune carica batteria da smartphone, tutti gli altri accessori in base alle esigenze possono essere utili o meno, per esperienza i miei il 90% delle volte rimangono nella scatola! 😀

Ecco la ActionCam in primo piano, il tasto frontale farà da ON/OFF e cambio modalità Video/Foto/Player/Menù il tasto superiore farà partire o fermare la registrazione e scatto foto, i tasti laterali ci permetteranno di spostarci tra i menù e attivare o disattivare il Wi-Fi. Per chi è già pratico con le ActionCam saranno concetti già conosciuti, soprattutto per chi ha già avuto una SJCAM questa Elite riprende le stesse soluzioni, il telaio praticamente è lo stesso della SJ4000+ e stesso della Explorer PRO, in sostanza cambia solo il frontalino come potete vedere nella foto successiva, nota i quadratini sotto la scritta sono delle aperture per dissipare il calore.

20160829_175514

20160829_175514-COLLAGE

La batteria è molto simile a quella della Git2 ma cosi non è….. perche leggermente piu stretta, l’alloggiamento della batteria è chiuso da uno sportellino con clip di sicurezza, l’autonomia con wifi disattivato si attesta sui 90 minuti

20160829_175705

20160829_181247

20160829_181156

Adesso elenchiamo le caratteristiche hardware di questa Explorer Elite:

  • Chip Novateck 96660
  • Cmos Sony IMX078 Exmor R con tecnologia BSI 12,4MP
  • Stabilizzazione Giroscopica
  • FOV 170°
  • Wi-Fi
  • Display 2 pollici TFT con risoluzione 960 x 240
  • Batteria 1050mAh
  • Porte USB e HDMI
  • SD supportate fino a 64GB

Dalle caratteristiche appena elencate sulla carta, questa cam si può posizionare sullo stesso livello di altre già conosciute, il chipset ad esempio è lo stesso che troviamo su: GitUP Git2, Firefly 6S e 7S, SJCAM SJ5000x e SJCAM M20 per quanto riguarda il cmos invece è lo stesso che troviamo su Firefy 6S, 7S e SJ5000x. Questi fattori in “linea di massima” possono farci capire che prestazioni possiamo aspettarci, non dimenticando però che manca un aspetto altrettanto fondamentale…. il firmware ed il suo relativo sviluppo.

La qualità dei materiali è nella media, sembra ben assemblata, al tatto è compatta e non si percepiscono scricchioli

Ma continuiamo con la descrizione della Explorer Elite, il menù è molto completo, possiamo raggiungerlo dal tasto frontale e troveremo a disposizione ben sette pagine da scorrere in successione per vedere tutte le voci contenute, con questa galleria di immagini vi mostriamo il menù nella sua completezza.

 

Abbiamo a disposizione le risoluzioni:

  • 4K con 24fps (interpolato come solito, i 24fps sono reali e non replicati)
  • 2K con 30fps
  • 1080P con 60 e 30fps
  • 720P con 120, 60 e 30fps
  • WVGA, VGA e QVGA (inutili a mio avviso)

Funzioni:

  • Loop Recording ( 1, 3, 5, 10 minuti )
  • Time Lapse
  • OSD (informazioni a schermo, possiamo attivarle o disattivarle)
  • HDR (On/Off)
  • Record Audio (attivare o meno la registrazione anche dell’audio)
  • Slow Motion (video con il tempo rallentato) (720P e VGA)
  • Date Stamp (attivare o meno la data stampata su video o foto)
  • Motion Detection ( se attivata la registrazione partirà in automatico quando percepirà un movimento del soggetto)
  • Gyro RSC (è la famosa stabilizzazione giroscopica, grazie a dei sensori la camera in automatico cercherà di stabilizzare il video via software)
  • Image Size (la risoluzione delle foto, abbiamo: 20M(5120×3849) 16M(4608×3456) 14M(4320×3240) 12M(4030×3024) 10M(3648×2736) 8M(3264×2448) 5M(2592×1944) 3M(2048×1536)
  • Sequence (scatta delle foto in sequenza, possiamo decidere quante, 3, 5, 10)
  • Capture Mode (autoscatto)
  • Quality (possiamo scegliere tra Fine, Normal e Economy)
  • Sharpness (Nitidezza.. Strong, Normal, Soft)
  • Exposure (possiamo cambiare i valori d’esposizione)
  • White Balance (il bilanciamento del bianco, ha già dei preset quali, Auto, Daylight, Cloudy, Tungsten e Fluorescent)
  • Color (possiamo scegliere tra Color, Bianco & nero e Seppia)
  • ISO (range tra 100 e 400)
  • Protect (a quando ho capito impedisce di cancellare i files sulla SD)
  • Date & Time (settiamo data e ora)
  • Auto Power off (spegnimento automatico dopo tot minuti di inutilizzo)
  • Beep Sound
  • Language (cambiamo la lingua del menu, abbiamo anche l’Italiano anche se la traduzione non è eccelsa 😀 )
  • Frequency (50hz o 60hz)
  • TV-Mode (Ntsc Pal)
  • TV-Out (per attivare l’uscita video analogica via usb)
  • Screensaver (possiamo far spegnere lo schermio dopo tot secondi)
  • Car Mode (per l’utilizzo in auto come dash cam, quando attiva inserendo l’alimentazione la registrazione partirà in automatico)
  • Field of View (è il campo visivo, settabile tra 170°, 140°, 110° e 70°)
  • Fish eye adjust (rimuove l’effetto “barilotto”)
  • Aqua Mode (quando attivo modifica la tonalità del colore e la luminosità indicato per l’uso in immersioni)
  • WIFI, SID e password (tutte e impostazioni relative al Wi-Fi
  • Plate Numer Set (è un campo aggiuntivo che possiamo imprimere sul video durante la registrazione oltre alla data)
  • Format (per formattare la SD)
  • Default Settings (fa un reset di tutte le impostazioni)
  • Version (ci restituisce la versione del firmware installata

In fase di ricarica la cam mostra la grafica sul display e i due led saranno entrambi accesi, uno blue e l’altro rosso, quando completa saranno entrambi blue

20160829_194053-COLLAGE

 

Questi giorni ho avuto modo di testarla sul campo e cercherò di condividere con voi le mie prime impressioni, una delle feature piu ricercate in questo momento è la stabilizzazione giroscopica, quasi tutte adesso la stanno adottando e quando funziona questa ci permette di ottenere dei risultati veramente ottimi, quasi quanto usare una steady-cam o gimbal motorizzato, con questa Elite mio malgrado però devo ammettere che non ci siamo, la stabilizzazione giroscopica non funziona come dovrebbe è ancora instabile e si percepisce, come lo definisco io, un effetto “alto mare” le riprese a tratti sembrano “ondulate” non è cosi che dovrebbe funzionare, nel video allegato ho cercato di metterla in crisi senza prestare particolare attenzione nel tenere una mano “ferma” ed i risultati non sono stati soddisfacenti. Se può consolarvi però vi dico che anche la versione PRO appena uscita aveva gli stessi problemi e furono risolti con un upgrade del firmware, si lo so a cosa state pensando, potevano sistemarla prima di metterla in commercio, ma sono fatti cosi, anche altre case lo fanno spesso.

Stabilizzazione a parte il risultato è relativamente buono, il bitrate è sempre intorno ai 20mbps abbiamo dei buoni colori e le immagini sono sempre chiare e nitide, il focus sembra perfetto non abbiamo angoli “impastati” anche le foto non sono male, anche se con le impostazioni default tende sempre a sovraesporre, ma come sempre lascio giudicare a voi, qui una sequenza di foto, ne trovate altre disponibili nel download su DropBox sono 105MB

Solo una cosa non mi è piaciuta.. l’audio, viene registrato veramente basso, troppo, credo che il mio sample abbia dei problemi perche già senza case il volume è veramente basso!

 

La APP per il controllo remoto via Wi-Fi è molto essenziale, niente di che.. il link per il dowload si può trovare tramite codice QR impresso all’interno del libretto di istruzioni, vi lasciamo comunque il link, è presente sia per Android che per iOS, io ho testato soltanto la versione per Android. Le funzioni sono le solite possiamo cambiare alcuni parametri, far partire/Fermare la registrazione del video e scattare fotografie, non è presente una sezione “Social” come sulla APP per la YI.

Screenshot from 2016-08-31 10:10:15

Questa cam, quando il firmware verrà migliorato, dato l’hardware in dotazione potrebbe benissimo competere con la Git2, noi lo speriamo!!

Explorer Elite

Qui un paragone delle dimensioni con Git2 e YI 4K

20160829_180608

 

Questa EleCam Explorer Elite si può acquistare ad un prezzo veramente basso, Gearbest che ci ha offerto questo sample, in questo momento ha il prodotto in Flash-Sale al prezzo di soli 63€

Se volete risparmiare otterrete un buon compromesso, se volete il top invece acquistate una YI 4K 😉

ActionCam Elecam Explorer Elite
 

Ciao!