Xiaomi MiTu – La nostra recensione completa

Poche settimane fà vi avevamo annunciato l’arrivo di questo nuovo piccolo mini drone, Xiaomi MiTu è il suo nome e viene prodotto dalla cinese FIMI azienda satellite del colosso Xiaomi, già conosciuta ai più per aver prodotto il fantastico Xiaomi MI drone 4K successo di vendite nell’ultimo anno.
Il MiTu per caratteristiche e funzioni somiglia tanto al RYZE Tello.. si candida infatti di diritto come principale concorrente, riuscirà anche questa volta Xiaomi a contrastare DJI?

MiTu

Grazie a Banggood possiamo provarlo e recensirlo per il nostro blog! a tal proposito vi ricordiamo il link per l’acquisto ad un prezzo super vantaggioso.. solo 67€

Unboxing

Il pacchetto grazie alla spedizione European direct mail è arrivato in appena 11 giorni, Banggood questi ultimi mesi si sta impegnando tanto sulla qualità delle sue spedizioni ed il risultato si vede!
La confezione è color azzurro e presenta in grafica il piccolo MiTu con alcune scritte in Cinese, sul retro troviamo un’etichetta anch’essa in Cinese…

Aprendo la scatola troviamo il MiTu parzialmente smontato senza batteria, senza eliche e protezioni, come potete vedere il suo colore è bianco candido

Al suo interno troviamo oltre al piccolo MiTu:

  • Batteria
  • Eliche (3CW e 3CCW)
  • Para eliche
  • Cavo Usb (micro)
  • Libretto d’istruzioni (in Cinese)

Montaggio

Le piccole eliche misurano appena 2,80 pollici e possiamo distinguerne il senso di rotazione in base al colore presente sul cappuccio, per montarle basterà una pressione sulle stesse

mi raccomando rispettate il corretto ordine nel montaggio altrimenti per il piccolo MiTu sarà impossibile decollare!

dopo aver posizionato le eliche sarà il turno delle protezioni per le eliche, anche in questo caso il montaggio sarà semplicissimo, posizionate le protezioni e applicate una leggera pressione per far chiudere le clip in plastica…

Per  posizionare la batteria nel suo alloggiamento, verificate il lato interno dove sono presenti i contatti e applicate una leggera pressione, la batteria dopo montata rimarrà salda in posizione grazie ad una clip con molla, per rimuoverla basterà spingere il piccolo tastino che troviamo nel posteriore.

Caratteristiche

Lo Xiaomi MiTu adotta motori a spazzole (brushed) scelta quasi obbligata viste le dimensioni e peso ridotto, il suo interasse tra i motori è di 11,5 centimetri protezioni escluse, il peso di appena 90 grammi. La sua flight controller è dotata di giroscopio 6 assi, barometro e sistema di posizionamento VPU (ultrasuoni + ottico), non abbiamo un Gps ma il sistema riesce comunque ad assicurare un hoovering stabile e preciso. Viste le caratteristiche viene spontaneo considerarlo un ottimo drone per l’uso indoor ma durante le nostre prove dobbiamo ammettere che si comporta molto bene anche all’aperto. La struttura è composta interamente in policarbonato le uniche parti in metallo possiamo trovarle nei piccoli motori.

nei lati rispettivamente troviamo la porta micro USB per la ricarica della batteria e per il trasferimento dei files (foto e video), si il MiTu a differenza del Tello ha una sua memoria interna, abbiamo a disposizione circa 3GB per salvare i files multimediali, troviamo poi il piccolo tasto per l’accensione e lo spegnimento (tenere premuto per due secondi) e al posteriore come già citato il tasto per la clip che rimuove la batteria. La batteria è da 920mAh e sulla carta dovrebbe garantire un’autonomia di 10 minuti, la sua ricarica è possibile tramite la porta usb, basta un’ora circa per la ricarica completa.

La sua fotocamera da 2 megapixel è posizionata all’anteriore e vicino possiamo notare i sensori ad infrarossi utilizzati per le battaglie virtuali (gioco) con altri MiTu

Nella parte inferiore del MiTu è presente invece il sensore ad ultrasuoni utilizzato per il sistema di posizionamento assistito chiamato VPU, questo sistema lavora avvalendosi anche della fotocamera, il suo range d’azione è limitato ad alcune situazioni ambientali, deve esserci una luminosità di almeno 15 lumen e non superare l’altezza di due metri per mantenere una posizione stabile e precisa!

La qualità generale dei materiali è molto buona cosi come l’assemblaggio, rispetta i standard di qualità della Xiaomi, chi conosce già il marchio potrà capire cosa intendiamo!

Il manuale di istruzioni purtroppo è solo in Cinese ma le illustrazioni sono abbastanza semplici e intuitive, non ci resta che scansionare il QR-code per scaricare la sua APP…..
NO Attenzione! il QR-code vi farà scaricare la versione in Cinese! non usate il QR-code e cercatela sul playstore! cercate: “MIDroneMini

App per il controllo

Il piccolo MiTu al momento non è dotato di radiocomando e il suo controllo sarà possibile esclusivamente tramite APP via WiFi. E’ in arrivo comunque un remote controller specifico tramite il Bluetooth ma non ne conosciamo ancora di compatibili, (in aggiornamento)
La frequenza è la 5G e qui abbiamo già un piccolo appunto da fare, il canale utilizzato (149) in Europa non viene utilizzato dalla maggior parte degli smartphone Android quindi nonostante aver a disposizione il 5G sarà impossibile rilevare la rete del MiTu!
Dopo un primo momento di sconforto ho scoperto un trucchetto per rendere visibile la rete, l’ho condiviso sulla mia pagina Facebook e sul gruppo Facebook Internazionale
Subito dopo via weechat ho segnalato il problema alla FIMI che puntualmente si è messa a lavoro per sistemare, ottimo!
Durante la stesura di questa recensione ho ricevuto delle buone notizie! hanno creato un piccolo programmino che permette di cambiare la rete da 5G al classico 2.4Ghz, ho contribuito personalmente ai test della stessa e confermo che funziona! La FIMI l’ha messo a disposizione per tutti sul Forum QUI. Sarà possibile anche utilizzare il WiFi extender della Xiaomi come già sperimentato con il Tello!

Ma torniamo alla sua APP!

Ricorda molto la app che conosciamo già con il MI Drone 4K hanno utilizzato lo stesso layout nel menù dei settings, al primo avvio è necessario creare un account MI, se lo avete già potete usare lo stesso, per intenderci quello usato con lo Xiaomi MI Drone o con il vostro device Xiaomi se già ne possedete uno. Se preferite potete utilizzare i vostri dati Facebook o Twitter per creare l’account.
Dopo aver eseguito il login vengono presentate una serie di schermate che ne illustrano il funzionamento e le features del MiTu, come vi avevo consigliato con lo Xiaomi MI Drone 4k leggete queste schermate, seguite la slideshow che segue!!! 😉

Questo slideshow richiede JavaScript.




Accendiamo il MiTu e tramite la APP connettiamoci alla sua rete WiFi, la password per il WiFi è: 123456789

Il layout presenta varie informazioni, partendo dall’alto troviamo le icone per il decollo e l’atterraggio, la seconda delle due attiva il decollo o atterraggio dalla mano, l’icona con il joypad invece abilita la modalità “battaglia”, poi troviamo l’headless mode e il controllo tramite giroscopio dello smartphone, l’ultima icona nel gruppo di sinistra attiva i flip 360 automatici

i due stick principali appaiono nella parte bassa e replicano virtualmente gli stick di un radiocomando classico, tramite touch possiamo interagire con gli stessi e prendere il controllo del MiTu.
Al centro sono presenti i comandi per lo scatto delle foto e la registrazione dei video.
Per accedere ai settings dobbiamo cliccare sull’ingranaggio in alto a destra, le voci a disposizione sono:

  • Gallery (possiamo accedere alle foto e video precedentemente registrati, cancellarli o scaricarli sullo smartphone)
  • Camera (possiamo scegliere la risoluzione per il video, 720P o 480P e formattare la memoria interna)
  • Wi-Fi Management (qui se necessario potete cambiare SSID e password della rete Wi-Fi)
  • Firmware Upgrades (sarà possibile avviare l’upgrade del firmware quando saranno presenti degli aggiornamenti)
  • Height Restriction (qui possiamo diminuire o aumentare il limite in altezza, il massimo è 25 metri)
  • Horizontal Calibration (la calibrazione automatica del giroscopio)
  • Joystick sensitivity (possiamo cambiare la sensibilità dei comandi)
  • Toggle Joystick mode (qui possiamo cambiare in Mode 1 o 2)
  • Beginners Guide (mostrerà le schermate con le varie istruzioni citate precedentemente)

Questo slideshow richiede JavaScript.

La Battle Mode

E una simpatica e interessante funzione di gioco dove potrete intraprendere delle vere e proprie battaglie volanti con il vostro MiTu! Il tutto è gestito tramite i sensori ad infrarossi, ovviamente sarà necessario trovare altri amici con il MiTu drone!
Cliccando sui “proiettili” che vedete sulla app si attiveranno gli spari verso il vostro nemico.. con tanto di effetti sonori! 😀

Foto e Video

La camera ha un cmos da 2MP ma purtroppo non troviamo una stabilizzazione elettronica, i video possono essere registrati in HD 720P 30fps ma abbiamo anche una risoluzione 640×480, in entrambe le situazioni la resa video a mio avviso non è all’altezza di quanto ci si aspettava, credo quindi arriveranno degli aggiornamenti in questo senso.
Le foto hanno due risoluzioni possibili, 1600×1200 e 1280×720, il formato è jpeg, scontato scriverlo ma non possiamo scattare in raw

Qui a seguire alcuni scatti:

Qui il primo video con unboxing e prova di volo, per la qualità video come sempre lascio giudicare voi….

 

Considerazioni Finali

Le performance di volo assicurano un’ottima stabilità indoor e in esterna, i materiali sono buoni e ci sembra di avere tra le mani un prodotto di qualità e ben curato. L’autonomia è sufficiente, si possono raggiungere tranquillamente i dieci minuti in volo. Dal comparto multimediale sinceramente mi aspettavo qualcosina in più, ma la camera da 2 megapixel non può certo fare miracoli.
Il MiTu si dimostra quindi molto interessante ma presenta dei piccoli difetti di gioventù, la questione del canale WiFi non visibile su alcuni devices Android è stata una svista poco simpatica e bloccante per chi si aspettava un drone pronto all’uso. La FIMI comunque sta lavorando per sviluppare nuove features, è probabile arrivi la stabilizzazione per il video e nuove modalità di volo.
Arriverà anche la possibilità di programmare una serie di funzioni automatiche con un semplice linguaggio di programmazione a blocchi, al momento attiva solo sulla APP Cinese!

Che dire… attendiamo fiduciosi!

Dove Acquistare

Noi vi consigliamo lo store BANGGOOD che ci ha gentilmente concesso questo sample, al momento hanno un prezzo tra i più bassi nel WEB clicca QUI

Presto arriverà un test comparativo con il RYZE Tello

 

La condivisione è sapere!! appassionato di tecnologia, di multirotori e di paesi Asiatici... Nel tempo libero mi occupo di ActionCam e Droni