Non è un prodotto recente, tanto che è ne uscito il successore da qualche tempo, però il gimbal indossabile fabbricato da Yi Technology è un oggetto che merita certamente una recensione, soprattutto ora che si trova a cifre più interessanti rispetto a qualche tempo fa. Scopriamo insieme Lo Yi Handheld Gimbal!

Packaging

Troviamo la confezione classica a cui ci ha abituato Yi Technology con i propri prodotti: scatola bianca di cartoncino stampato e dentro tutto bene in ordine grazie al polistirolo.

  • Yi handheld gimbal
  • 2x batterie Li-Ion 18350 da 830 mAh
  • Caricabatterie
  • Cavetto USB-microUSB
  • Manuale e Warranty Card

Poco da segnalare, le batterie arrivano parzialmente cariche ma è bene metterle subito in carica con il caricatore in dotazione.

Per l’unboxing guardate il video poco più sotto!!

Acquista ora su Amazon!

Il gimbal

Lo Yi handheld gimabl è un buon prodotto, già solo toccandolo con mano si percepisce la qualità costruttiva e dei materiali: tutto completamente in alluminio, solido e ben fatto.

yi handheld gimbalSul fondo troviamo uno sportellino chiuso da una vite: si tratta del vano batterie, che ospita le due 18350. Come spiego anche nel video, ritengo la vite come metodi di chiusura un piccolo errore, dal momento che va tolta spesso e che è molto molto facile perderla (e in questo caso risulterebbe impossibile chiudere il vano). Allo stesso modo è possibile pure perdere lo sportellino, visto che non è collegato al corpo del gimbal. Sinceramente avrei preferito una chiusura classica, magari meno bella a vedersi ma più funzionale.

Queste le specifiche tecniche:

Dimensioni 95 x 77 x 75 mm
Peso 259 grammi (215 g senza batterie)
Voltaggio operativo 8,4 V (tra 6 V e 12 V)
Angoli Pan -160° ÷ +160°
Roll -42° ÷ +42°
Tilt -160° ÷ +160°
Temperature operative -20°C – +50°C
Batteria 850 mAh
Autonomia 2 – 4,5 ore
Connessioni microUSB, filettatura da 1/4″

Le prestazioni sono certamente molto buone, con un’ottima reattività che riporta in asse la cam in tempi brevi. L’unica nota negativa arriva da come è strutturato il gimbal, ovvero dal fatto che le rotazioni non possono essere effettuate a 360 gradi. Se ciò non è importante per l’asse di rollio (ovvero quello che tiene in pari rispetto all’orizzonte), è invece un gran peccato per quanto riguarda l’asse di panning e l’asse di tilting: sarebbe stato infatti utile potersi muovere liberamente senza aver paura che il gimbal arrivi a fine corsa.

Buona, anche se non esaltante, l’autonomia, che arriva a 4-4,5 ore nei casi migliori ma che comunque non dovrebbe mai scendere sotto le due ore anche nelle condizioni peggiori.

È presente un solo modo per interagire col gimbal, ovvero un unico tasto: premendolo a lungo si accende o si spegne il gimbal, mentre cliccando in vari modi si cambiano le modalità operative.
Peccato non avere un modo per ruotare a mano i vari assi o modificare qualche impostazione: è vero che questo è un gimbal indossabile e che quindi è pensato per un utilizzo sul casco o luoghi simili, però mi sarebbe piaciuto avere un modo per ad esempio modificare la velocità di rotazione o impostare gli angoli massimi, così come si può fare con la maggior parte degli altri gimbal.
Sarebbe bastato un collegamento tramite cavo o, meglio, tramite bluetooth o WiFi. Quindi peccato.

Difetto secondo me gravissimo quello di non poter, perlomeno secondo le istruzioni, ricaricare il gimbal dalla porta microUSB, poiché ciò preclude un utilizzo più duraturo con una powerbank collegata e obbliga alla ricarica tramite l’estrazione delle batterie. Davvero molto scomodo. Bruttissima scelta.
Vero è che alcuni utilizzatori mi hanno riferito di come sia possibile ricaricare le batterie anche attraverso la porta microUSB: in ogni caso fatelo, se volete, a vostro rischio e pericolo, dal momento che le istruzioni dicono che non si può fare.

Il peso non è da sottovalutare, poiché raggiunge i 256 grammi con le batterie inserite. A questo va sommato quello della nostra action cam e, volendo, anche del pole. Considerando una Yi 4K+ (95 g) e il pole originale (189 g) si arriva a ben 542 grammi, un peso non così esagerato ma da non sottovalutare se si ha in mente di portarlo per un lungo periodo.

Acquista ora su Amazon!

Video Recensione

Acquista ora su Amazon!

Modalità Operative

Le modalità sono 3, tutte attivabili con dei semplici clic dell’unico tasto presente:

  • Modalità Pan: è la modalità predefinita, si ha un bloccaggio dell’asse di tilting e dell’asse del rollio mentre l’asse di panning restituisce movimenti fluidi. È la modalità che personalmente uso nel 99% dei casi. La luce lampeggia una singola volta ad intermittenza.
  • Modalità Pan & Tilt: vi si entra cliccando rapidamente due volte il tasto mentre si è nella modalità Pan e, come suggerisce il nome, sblocca anche l’asse del tilting, ovvero della rotazione “alto-basso”. Può essere veramente utile se si vuole guardare verso l’alto o verso il basso come nel caso di una discesa in bicicletta o sugli sci, in cui la visuale ad angolo 0 farebbe perdere molto. La luce lampeggia due volte ad intermittenza.
  • Modalità bloccata: vi si entra cliccando una volta il tasto mentre si è nella modalità Pan. Questa modalità blocca tutti e tre gli assi, costringendo l’action cam a guardare in una singola direzione. È una modalità piuttosto “scomoda”, adatta a pochi usi; lascio a voi la libertà di immaginarne uno. La luce lampeggia 3 volte ad intermittenza.

Non è quindi presente una modalità che sblocchi l’asse dell’orizzonte (asse del rollio): poco male, visto che sarebbe stata alquanto inutile.

Acquista ora su Amazon!

 Test

Come potete vedere, il gimbal si comporta davvero molto bene ma soffre un po’ quando le vibrazioni sono molte: in questo caso occorre l’accoppiata EIS+gimbal per avere un video davvero perfetto. L’unica occasione in cui le vibrazioni sono state così tante è stato durante il mio classico test con l’auto RC (come al solito la mia fidata WlToys A979).




Durante il test a mano libera il gimbal si è mostrato più che sufficiente per smorzare i miei movimenti e per rendere più fluidi i cambi di direzione.

Acquista ora su Amazon!

Aggiornamento e Calibrazione

Come detto, non c’è un modo per collegare il gimbal allo smartphone, per cui l’aggiornamento del firmware, ove necessario, andrà effettuato tramite collegamento col PC: ed ecco quindi spigata la presenza della porta microUSB.

L’aggiornamento del firmware è semplice, occorre:

  1. Scaricare il tool da questo link
  2. Collegare il gimbal al PC
  3. Rimuovere le batterie dal gimbal
  4. Premere il pulsante del gimbal per circa 3 secondi finché non si accende
  5. Installare il tool
  6. Avviare il tool e selezionare il firmware, scaricabile da questo link
  7. Premere il tasto “Update” e aspettare che termini la procedura
  8. Premere “Close Port” e scollegare il gimbal

È possibile calibrare il gimbal in due modi: uno “offline”, ovvero senza collegamento al PC, e uno “online”, quindi con collegamento al PC.

Metodo Offline

  1. Scaricare il tool da questo link
  2. Collegare il gimbal al PC
  3. Installare il tool, avviarlo, cliccare su “Open Port” e andare nella tab “Position Calibrations”
  4. Posizionare la cam nelle varie posizioni, seguendo le indicazioni del video qui sotto
  5. Salvare le modifiche cliccando su “Save All”.
  6. Cliccare su “Close Port” e scollegare il gimbal
  7. Riaccendere il gimbal e controllare che la calibrazione sia andata a buon fine

Metodo Online

  1. Accendere il gimbal
  2. Premere 4 volte il pulsante del gimbal
  3. Posizionare la cam nelle posizioni dalla a alla f, seguendo le indicazioni del video qui sotto
  4. Una volta terminata la procedura il gimbal di spegnerà
  5. Riaccendere il gimbal e controllare che la calibrazione sia andata a buon fine

 

Acquista ora su Amazon!

Conclusioni

Lo Yi Handhled Gimbal è sicuramente un buon prodotto, ben costruito e dalle prestazioni più che soddisfacenti. Fa perfettamente ciò per cui è pensato, ovvero stabilizzare la cam mentre il gimbal è attaccato su un casco o su un supporto . Bisogna però dire che per l’utilizzo in mano si percepiscono delle mancanze.

Come detto, manca qualunque tipo di impostazione o regolazione, e non è possibile ricaricarlo senza rimuovere le batterie.

È senza ombra di dubbio un prodotto consigliato, nonostante un prezzo non così basso, dal momento che anche a sconto non lo si trova a meno di 89,90 euro.

Sommando tutto e volendo attriburgli un punteggio in una scala da 1 a 10, io darei un 7,5: un bel voto che però lascia capire che ci sono margini di miglioramento.

Spero di poter confrontare questo gimbal con quello nuovo uscito da poco, che sembra aver sopperito alle mancanze da me rilevate. Purtroppo Yi Technology non manda campioni per le recensioni, quindi dobbiamo acquistare il prodotto di tasca nostra (come avvenuto per questo gimbal). Se avete voglia di contribuire per una particolare recensione contattateci sulla pagina Facebook!

Fateci sapere cosa ne pensate, qui nei commenti, sulla nostra pagina Facebook o nei gruppi e ricordatevi che ora ActionCam Italia è anche su Telegram!

Studente di ingegneria meccanica e appassionato di tecnologia in generale. Mi sono avvinato al mondo della action can grazie ad una XiaoYi Yi e da allora non mi sono più fermato!