Molti di voi cercano uno stabilizzatore per smartphone da portare in vacanza o per riprese amatoriali, ma spesso per l’utilizzo che ne facciamo ci sembrano tutti troppo costosi. X-Cam ha dunque realizzato uno stabilizzatore elettronico a 2 assi che coniuga usabilità e portabilità ad un prezzo davvero molto concorrenziale. Scopriamo insieme X-Cam Sight 2 nella nostra recensione!


Unboxing e costruzione

La confezione del X-Cam Sight 2 è ricca di accessori ed oltre allo stabilizzatore comprende una bella custodia in tessuto, una piccola brugola per apportare delle regolazioni, il cavetto microUSB per la ricarica, due spessori da applicare sul supporto per gli smartphone più piccoli e il manuale di istruzioni, compreso un link per il video tutorial che vin consiglio di guardare prima di mettere in funzione lo stabilizzatore.

Funzionamento

L’utilizzo dello stabilizzatore X-Cam Sight 2 è piuttosto semplice, ma è opportuno seguire il manuale di istruzioni almeno al primo utilizzo. Il corretto utilizzo dello stabilizzatore comporterà anche un minor dispendio di energia da parte dello stesso e quindi una maggiore autonomia. L’importante è centrare lo smartphone sul suo supporto ed eventualmente apportare delle leggere regolazioni sullo snodo in metallo tramite la brugola esagonale. Se il telefono viene posizionato male ve ne accorgerete subito, infatti lo stabilizzatore non riuscirà a tenere in posizione il telefono e se inizierà a produrre un rumore non vi preoccupate: lo stabilizzatore infatti gestisce intelligentemente i blocchi dovuti all’errato posizionamento o all’incontro di ostacoli e dopo un tempo di 10-15 si spegnerà automaticamente. Lo smartphone va posizionato prima di accendere lo stabilizzatore.

Una volta acceso, lo stabilizzatore porterà in posizione lo smartphone e permette una rotazione di ±55° sull’asse orizzontale e di ±175° su quello verticale. Sull’impugnatura è presente una comoda levetta che alzandola e abbassandola permette di inclinare lo smartphone sull’asse orizzontale di ±45° per poter modificare l’inquadratura. Inoltre se al momento dell’accensione teniamo premuto il tasto Power per qualche secondo, lo stabilizzatore entra in modalità di accoppiamento e sarà possibile accoppiarlo allo smartphone tramite bluetooth. Questo consentirà di scattare foto o avviare/stoppare video premendo la levetta.

Autonomia

La batteria integrata da 1000mAh garantisce un’utilizzo variabile dello stabilizzatore, da 2 a 5 ore. Questa differenza di valori è ovviamente influenzata dal peso dello smartphone, in quanto lo stabilizzatore dovrà effettuare uno sforzo più o meno grande.

La ricarica avviene tramite un cavetto USB-microUSB e da completamente scarico impiega circa 2 ore.

Conclusioni

X-Cam Sight 2 è uno stabilizzatore di buona qualità che chiaramente non può essere paragonato a prodotti ben più costosi. Infatti rispetto ad essi la plastica utilizzata è di tipo più economico, anche se comunque l’assemblaggio è impeccabile e non dà nessuna sensazione di fragilità. Come si può vedere nel video di prova, le vibrazioni non sono assorbite in modo perfetto, ma l’inquadratura rimane comunque sufficiente stabile e restituisce un risultato sicuramente migliori rispetto ad un semplice pole per smartphone che talvolta costa quando lo stabilizzatore stesso. Nel complesso ho apprezzato la cura con cui X-Cam ha realizzato questo prodotto inserendo degli utili accessori e un manuale di istruzioni ben fatto che include anche un video tutorial.

Se volete acquistare X-Cam Sight 2 potete farlo cliccando su questo LINK.

Appassionato di tecnologia e di smartphone, mi piace esplorare il mondo Android!