Dopo avervi annunciato l’immissione di Bluboo S1 sul mercato, grazie a GearBest abbiamo avuto la possibilità di provarlo e recensirlo. Bluboo è un’azienda cinese che produce smartphone e smartwatch che sta cercando di imporsi nel mercato degli smartphone di fascia media, con dispositivi caratterizzati da una buona scheda tecnica proposti ad un prezzo concorrenziale. Bluboo S1 si distingue anche per il suo design, ispirato allo Xiaomi Mi Mix per via dello schermo tri-bezeless ed è sicuramente la sua caratteristica più saliente.




Unboxing, Costruzione e Design

La confezione del Bluboo S1 è molto elegante e ben fatta e al suo interno troviamo anche qualche piacevole sorpresa. Infatti oltre ad un alimentatore da 5V/2A è presente un adattatore da USB Type-C a jack stereo 3,5mm (manca infatti l’ingresso per le cuffie!), lo spillo per estrarre il carrellino della SIM, una cover in silicone trasparente e una pellicola in vetro temperato.

Il dispositivo si presenta frontalmente con un display (che occupa ben il 90% del pannello) da 5,5″ circondato sui bordi laterali e quello superiore da cornici molto sottili. La cornice inferiore invece è più larga e accoglie il sensore di impronte digitali, che può essere utilizzato anche come tasto di navigazione, e la fotocamera anteriore. Non è presente alcun LED di notifica. I bordi laterali sono costituiti da una cornice di plastica nera lucida; a sinistra troviamo il carrellino che ospita le due SIM o una SIM e la scheda MicroSD, a destra il bilanciere del volume e il tasto power, mentre inferiormente trovano postano il microfono, l’altoparlante e l’ingresso USB Type-C. Sul posteriore, costituito da un pannello in vetro, troviamo la doppia fotocamera e il doppio flash led. Al centro del pannello è stampata la scritta Bluboo in argento.

Nel complesso il Bluboo S1 è un bell’oggetto, maneggevole e abbastanza compatto considerando le dimensione del display e l’assemblaggio è di buona fattura.

Scheda tecnica

Display: 5.5” IPS 2.5D Arc screen; Corning Gorilla glass 4; Full-HD (1920×1080 pixel)
SoC: Mediatek Helio P25, octa-core 2,5GHz; GPU Mali T880
RAM: 4GB
ROM: 64GB (51GB disponibili) espandibile tramite MicroSD
Dual SIM: nano SIM + micro SIM
Fotocamera: posteriore 13Mpx (16 via software) Sony IMX 214 f/2.0 + camera secondaria 3Mpx; doppio flash LED; frontale 5Mpx (8 via software)
Rete: 2G: GSM 1800MHz,GSM 1900MHz,GSM 850MHz,GSM 900MHz; 3G: WCDMA B1 2100MHz,WCDMA B8 900MHz; 4G LTE: FDD B1 2100MHz,FDD B20 800MHz,FDD B3 1800MHz,FDD B8 900MHz,TDD B38 2600MHz
Dimensioni: 148,6 x 74,3 x 7,9 mm; 169g
Batteria: 3500mAh
Sistema: Android 7.0
Connettività: 3G, 4G, Bluetooth 4.0, GPS A-GPS GLONASS, WiFi dual band, HotKnot

Display

Il Bluboo S1 monta una pannello IPS da 5,5″ in risoluzione FullHD prodotto da Sharp e protetto da un vetro Corning Gorilla Glass 4. Il trattamento oleofobico è buono pertanto non si noteranno troppo le “ditate”. I colori sono riprodotti bene anche se i neri non sono molto profondi rispetto ad altri LCD ed è possibile personalizzarli tramite la funzione Miravision. Gli angoli di visuale sono buoni. La luminosità minima è un po’ troppo alta, ma quella massima invece mi ha sorpreso positivamente; infatti anche sotto la luce del sole il display è ben visibile. Parlando di luminosità è d’obbligo segnalare un grosso neo, ovvero la mancanza del sensore di luminosità. Personalmente non è fondamentale visto che non passo spesso da zone buie a zone luminose, però da questo dispositivo me lo sarei aspettato. E’ possibile notare anche uno strano alone sui contorni del display, visibile solo con uno sfondo grigio dovuto probabilmente ad una retroilluminazione non uniforme.

Software e prestazioni

A bordo di Bluboo S1 troviamo una versione di Android 7.0 molto simile alla stock con qualche personalizzazione, in particolare del launcher e delle gestures. Il launcher, chiamato Phenix, infatti è privo del drawer delle app ed è possibile personalizzarlo tramite dei temi. Effettuando uno swipe da sinistra verso destra dalla schermata principale si accede ad una scheda dove troviamo le quattro app maggiormente utilizzate, delle icone dalle quali è possibile fare una ricerca rapida su Google Maps per trovare banche, fermate dell’autobus, ristoranti e negozi nelle vicinanze ed infine una lista di articoli delle più recenti notizie divise per categorie. Fortunatamente non ci sono bloatware cinesi (infatti Bluboo S1 è pensato per il mercato internazionale e sono presenti tutte le lingue) e troviamo preinstallate le principali Google Apps, compre il Play Store. Tra le applicazioni di sistema la più importante è System Manager grazie alla quale è possibile impostare i programmi di risparmio energetico, “freezare” determinate app, fare pulizia del dispositivo e bloccare con password le app di cui vogliamo mantenere la privacy.

Di default i tasti di navigazione sono a schermo, ma è possibile utilizzare anche solamente il sensore di impronte digitali che con un tap o una pressione prolungata simula i tasti “indietro” e “home”. Eliminando i tasti a schermo di rinuncia però all’accesso alle app recenti.

Le gestures che è possibile configurare consentono di silenziare le chiamate capovolgendo il dispositivo o rispondere agitandolo; catturare degli screenshot facendo scorrere tre dita sullo schermo o per avviare la fotocamera; alzare e abbassare il volume facendo scorrere due dita. Inoltre sono presenti delle gestures a schermo spento che permettono di sbloccare il dispositivo avviando delle app preimpostate (purtroppo non sono personalizzabili); presente anche la possibilità di risvegliare il display con il doppio tocco da spento. Queste ultimi gestures sono sempre riconosciute, ma sono un po’ lente ad avviarsi.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Come in molti altri smartphone, è possibile attivare un tasto flottante chiamate Free Touch che attivandolo permette di accedere ad alcune impostazioni rapide, ai tasti di navigazione e allo strumento di ricerca di Google.

Utile anche la funzione che permette di programmare lo spegnimento e l’accensione del dispositivo all’orario che desideriamo.

Nel complesso non ho rilevato bug di sistema, tranne un piccolo difetto in Whatsapp che a volte non mi consente di scorrere le schede degli emoji, ma è sufficiente riavviare l’app per sistemarlo, ma il sistema è comunque stabile e non sono mai incorso in crash.

Le prestazioni di Bluboo S1 sono complessivamente buone, grazie al processore Helio P25 e ai 4GB di RAM il sistema gira fluidamente e l’apertura delle applicazioni è veloce. Anche l’esperienza di gioco con i titoli più pesanti è piacevole e priva di lag. In generale il software abbinato a questo hardware è ben equilibrato, fatta eccezione per il sensore di impronte digitali che necessita di un’ulteriore ottimizzazione; difatti non è sempre facile fargli riconoscere l’impronta e lo sblocco non è dei più veloci tanto che ho preferito disattivarlo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Fotocamera

Bluboo S1 è dotato di tre fotocamere, due posteriori e una anteriore. Quest’ultima è costituita da un sensore da 5Mpx interpolati via software per ottenere una risoluzione di 8Mpx. La qualità non è delle migliori, sia per presenza di rumore che per la resa dei colori. E’ presente la funzione di rilevamento del volto e la modalità “FaceBeauty” di dubbia efficacia (almeno con il mio viso, ma per questo nemmeno le fotocamere migliori possono fare miracoli!).

Posteriormente invece troviamo due sensori, quello principale è un Sony IMX214 con apertura f1/2,0 da 13Mpx interpolati via software a 16Mpx, affiancato da un sensore da 3Mpx per la percezione della profondità e questo dovrebbe consentire di ottenere scatti con effetto bokeh. In realtà nella modalità “Blur”, che dovrebbe consentire di sfruttare questo effetto, la sfocatura avviene per mezzo di un artificio software (piuttosto scadente) in cui non mette in risalto il soggetto mettendolo a fuoco, ma semplicemente sfuoca tutto il resto al di fuori di una zona di messa a fuoco. Eccettuata questa modalità, di giorno la fotocamera cattura scatti discreti, ma la messa a fuoco risulta un po’ lenta. Di notte o con poca luce invece aumenta molto il rumore, caratteristica di tutte le fotocamere equipaggiate su smartphone economici.

Anche nella registrazione video si rilevano dei problemi, infatti l’obiettivo continua a cercare la messa a fuoco ogni 3/4 secondi e ogni tanto presenta delle scattosità. La qualità delle immagini del video non si discostano da quanto detto sopra sulle fotografie.

Autonomia

Il Bluboo S1 è dotato di una batteria da 3500mAh dalla quale mi aspettavo una buona autonomia. I consumi però non sono sempre regolari, mi sono ritrovato ad aver consumato pochissima batteria durante una sessione di gaming e di averla vista calare in stand-by. Il risultato è che solitamente mi ha portato a sera, ma nelle giornate più intense ho dovuto metterlo in carica verso le 19 se prevedevo di stare fuori tutta la sera.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Connettività e audio

La ricezione del Bluboo S1 è buona, sia quando ci troviamo all’aperto grazie al pieno supporto alle bande 4G (inclusa la B20), sia quando ci troviamo in casa dove possiamo collegarci al wifi sulla banda 2,4GHz o a quella a 5GHz. Non ho riscontrato nessun problema nemmeno nel cambio di cella o tra un tipo di connessione all’altra.

Bene il GPS che aggancia il segnale in pochissimi secondi e lo mantiene stabile durante la navigazione.

L’audio dello speaker inferiore ha un buon volume e si sente piuttosto bene, anche se tende a distorgere un po’ alle alte frequenze, ma niente di fastidioso. Anche l’audio in capsula è buono, l’interlocutore si sente chiaramente senza disturbi, anche se il volume non è molto alto.

Conclusioni

Come avrete sicuramente notato leggendo la recensione, Bluboo S1 ha dei difetti, alcuni trascurabili, altri invece fanno notare la loro presenza, come l’assenza del LED di notifica o il sensore di luminosità che dovrebbero essere sempre presenti su uno smartphone di questa fascia. Tuttavia parte di questi bug potrebbero essere risolti grazie a futuri aggiornamenti del firmware (vedi sensore d’impronte digitali e fotocamera) che speriamo di vedere presto, perchè tutto sommato questo Bluboo S1 gira bene ed è anche molto bello, quindi darò fiducia a questo produttore che con i prossimi smartphone potrebbe fare il salto di qualità.

Acquisto

Il Bluboo S1 è disponibile in colorazione nera o bianca ed è acquistabile su GearBest a questo LINK. Utilizzate questo coupon per ricevere un ulteriore sconto: GBBLUBOO.

Vedi anche questo

Blackview S8, il clone economico di Samsung S8!

L’uscita di Samsung S8 ha stravolto i canoni di design degli smartphone del 2017 e d…