Creality CR-10 – La mia prima stampante 3D

Da un pò di tempo desideravo averne una… Gearbest mi ha dato l’occasione e l’opportunità di scegliere, dopo attenta analisi la mia scelta è ricaduta sulla Creality CR-10!

Iniziamo subito con uno dei suoi pregi, la Creality CR-10 ha un area di stampa di 300 mm x 300 mm e 400 mm in altezza, a questo prezzo è impossibile trovare altre stampanti pari caratteristiche che vi permettono di stampare con queste dimensioni, la sua struttura inoltre è completamente in alluminio!
Altro pregio da evidenziare è che la Creality CR-10 arriva già assemblata al 90% il nostro intervento sarà quindi minimo, sarà sufficiente completare solo pochi passaggi, quattro bulloni e inserire dei connettori, questo è un grande aspetto da tenere in considerazione, non è un kit da montare, con ore o giornate necessarie per essere pronti alla prima stampa, con la CR-10 in un’ora al massimo sarete subito pronti per la prima stampa!

La Creality 3D opera nel settore della Stampa 3d da molti anni… qui un loro video dove si presentano al pubblico

Ma come funziona una Stampante 3D??

Fino a poco tempo fà ero un completo neofita in questo campo, quando ho iniziato a documentarmi si è aperto un vero e proprio mondo pieno di termini tecnici, modelli con strutture diverse, CURA, Bowden, Prusa, GCode, PLA 😀 e inizialmente digerire tutta questa miriade di informazioni può creare confusione e sconforto, credo sia giusto quindi condividere qualche nozione tecnica prima di andare avanti…

Le stampanti 3D lavorando su 3 dimensioni sono strutturate sui 3 assi X, Y e Z, il materiale che viene usato per la struttura può essere tra i più svariati ma generalmente e con la Creality CR-10 il materiale è alluminio, leggero, resistente e affidabile. Oltre alla struttura portante abbiamo altri elementi quali: Estrusore, Centralina di controllo e Piatto.

Estrusione: Nel caso della stampa 3D è un processo che trasforma un materiale (filamento) da stato solido allo stato plastico, disponendolo in vari strati che raffreddandosi creeranno un “nuovo” oggetto solido, questa operazione per funzionare utilizza alcuni elementi meccanici, alimentazione e ritrazione del filamento, Hot end per riscaldare il filamento e infine Nozzle di estrusione.
Questo insieme di elementi viene generalmente chiamato Estrusore

Alimentazione e ritrazione: Il compito di questa parte consiste nello spingere, regolare, fermare e ritrarre il flusso del filamento verso l’hot end, nel caso della CR-10 viene usato un sistema di tipo Bowden prende il nome da un’inventore Irlandese che invento il filo con la guaina, pensate al cavo dei freni della vostra bici, bene il principio di funzionamento è lo stesso, il filamento passa all’interno di una guaina ed è regolato da un motore che ne gestisce tutti le fasi di movimento citate poco fà.

HotEnd: In questa parte il filamento tramite calore passa dallo stato solido a quello plastico, Hot End non è altro che una resistenza, avrà il compito di riscaldare e sciogliere il filamento, inoltre è possibile regolare la temperatura in base al materiale di stampa scelto.

Nozzle: E’ la traduzione di Ugello, ne esistono di varie dimensioni, da esso uscirà il filamento che andrà a comporre il nostro estruso, siamo nella parte finale del processo di estrusione, qui l’estruso prenderà vita.

Estruso: Oggetto che prende il nome dal principio con cui viene creato, per “estrusione” appunto. Il nostro risultato di stampa!

Piatto di Stampa: E’ la base dove verrà depositato l’estruso, in molti casi sarà riscaldato e aspetto indispensabile per avere ottimi risultati è che sia perfettamente in piano ed allineato con gli altri elementi che compongono la stampante.

A grandi linee abbiamo elencato tutti gli elementi che compongono una Stampante 3D, possiamo tornare alla descrizione di questa Creality CR-10

Caratteristiche della Creality CR-10

Come scritto prima è una stampante grande formato, ci sono tre modelli della stessa, varia la superficie di stampa, la nostra è 300x300x400

  • Superficie di stampa: Piatto in vetro (Pyrex) riscaldato 300mm x 300mm con livellamento manuale, 400mm altezza massima dell’asse Z. Le altre varianti disponibili possono arrivare a 400mm x 400mm e 500mm x 500mm!
  • KIT: No! arriva pre assemblata al 90%
  • Controller: – Case separato dalla struttura con display LCD, porte SD e USB, Scheda madre “simil” Melzi con firmware Marlin, alimentatore 12V 320Watt con mosfet separati, uno dedicato al piatto riscaldato.
  • Materiale:  Alluminio
  • Estrusore: Mk10 Bowden
  • Hot end: Mk8
  • Supporta: PLA, Petg e ABS
  • Peso: 10kg
  • Prezzo: Veramente interessante, poco meno di 370€ ma ulteriormente scontato con coupon che troverete a fine articolo!

Unboxing

La scatola ha dimensioni importanti, ho scordato di pesarla ma sicuramente superava i 12 kg, per fortuna non presentava bozze o abrasioni, ha superato indenne il lungo viaggio dalla Cina! Come potete vedere tutto era in ordine e perfettamente imballato come mostrato nel video della fabbrica più sù. Sulla parte superiore dell’imballo troviamo la base della Creality CR-10 con il piatto protetto da nylon, sotto di esso tra un altro strato di imballaggio, troviamo l’asse Z, la centralina di controllo e una scatola che contiene a sua volta tutti gli accessori.

Svuotando la scatola ritroveremo questo, la stampante Creality CR-10 come citato precedentemente è già assemblata al 90%

Questo è tutto l’insieme di accessori presenti all’interno della scatola più piccola, troviamo:

  • Cavo USB
  • Chiavetta USB lettore SD e una micro SD (con al suo interno software, modelli e istruzioni)
  • Rotolo di carta gommata
  • Cavo di alimentazione
  • Rotolo di filamento colore bianco (PLA)
  • Supporto per il rotolo da montare sulla centralina di controllo
  • Tronchesi
  • Spatola per rimuovere i modelli dal piatto
  • Guaina di scorta per l’estrusore
  • Istruzioni e avvertenze
  • Chiavi esagonali e bulloni (quattro)  per completare l’assemblaggio

Creality CR-10

Assemblaggio

Non allarmatevi, tutta la procedura è semplicissima, con una buona manualità completerete il tutto in 45 minuti, esagerando. Per prima cosa controllate che tutti i componenti siano in ordine, liberate la stampante dall’imballaggio residuo, dalla bustina prendiamo i quattro bulloni con la chiave esagonale piu grande e prepariamoci ad assemblare l’asse Z (quello verticale) con la base della Creality CR-10

Aiutatevi “coricando” la base su un lato e iniziate prima puntando i bulloni e gradualmente e uniformemente stringerete gli stessi, attenzione! è alluminio non ci sarà bisogno di stringere fino alla morte, non rischiate di rovinare il filetto.

Dopo aver completato con i quattro bulloni, per assicurare una ottima stabilità della struttura dobbamo applicare nelle giunture dell’asse Z due angolari, quello di sinistra avrà una doppia funzione perche ospiterà anche il fine corsa dell’asse X. Anche qui operazione semplicissima, basta metterli in posizione e stringere le viti.

La prima fase sarà terminata cosi, ci rimane solo da collegare i connettori, si avete visto… abbiamo già “quasi” finito!

I connettori sono marcati con delle lettere, rispettivamente per ogni asse, troveremo quindi: Y, X e Z, altro fattore per rendere semplice il montaggio è che sono diversi tra loro sarà quindi quasi impossibile commettere degli errori.
Ps per uno degli angolari, nello specifico quello di sinistra che ospita il fine corsa.. per facilitare l’inserimento del connettore sarebbe meglio smontarlo, vedete la foto.

Ultimo passaggio è connettere la centrlina di controllo, anche qui i due grandi connettori hanno un passo guidato, inserite e stringete.

Ultimo check.. come scritto nelle istruzioni stampate che trovate nel bundle, prima di accendere la stampante stringete le piccole viti che trovate sporgenti in questo pezzo:

Centralina di controllo e menù

Qui troviamo il “cervello” della nostra Creality CR-10, al suo interno troviamo la scheda madre e l’alimentatore, su un lato troverete un commutatore della tensione elettrica assicuratevi che sia su 220 volt, la principale interfaccia di controllo sarà il display LCD, con la manopola possiamo scorrere i vari menù e impostare alcuni parametri, il nostro intervento principalmente sarà per selezionare il file da stampare, al 90% non ci sarà bisogno di impostare i settings da questo menù perchè il file GCode avrà già tutto integrato

Prima Stampa

Per avere un risultato perfetto è necessario mettere in piano il piatto, l’operazione è più facile da fare che da spiegare, in sostanza dovrete posizionare l’HotEnd nei quattro angoli del piatto e regolare l’altezza del piatto in ognuno di essi, per eseguire questa operazione troverete delle piccole manopole che ne regolano l’altezza, sono nella parte inferiore del piatto. La distanza che deve esserci tra HotEnd, ugello nello specifico e il piatto deve essere esigua, senza perderci in misurazioni che sarebbero impossibili da rilevare la questione diventerà semplicissima utilizzando un foglio di carta, posizionate il foglio tra uguello e piatto, regolate e contemporaneamente provate a muovere il foglio, quando sentirete una resistenza (non eccessiva) nel muovere il foglio avrete trovato la misura corretta! Ripetete l’operazione in ogni angolo e per finire al centro del piatto. Spero la spiegazione sia stata comprensibile, su Youtube comunque trovate decine di video dove si spiega la procedura! La regolazione andrebbe fatta con il piatto già caldo ma io ho provato varie volte senza scaldarlo e il risultato era lo stesso.

La Creality CR-10 non ha bisogno di nessun altra regolazione, ho scritto che è la mia prima stampante 3D ma non mi aspettavo ottimi risultati già dalla prima stampa senza aver perso ore o giorni in regolazioni… ecco spiegato il successo di questo modello… ma andiamo avanti.

All’interno della SD che troviamo in dotazione c’è una directory specifica con alcuni modelli in GCode pronti per essere stampati, io personalmente vi consiglio di iniziare con uno di quelli. Il primo modello che ho stampato è un upgrade per la stampante stessa, si tratta di un pezzo che protegge i cavi posteriori del piatto da urti o flessioni che possono rovinare la saldature del cavo

Questo è il risultato:

Visti i risultati sono passato subito alla stampa di altri oggetti “accessori” per la Creality CR-10 
manopole più grandi per semplificare l’operazione di bilanciamento del piatto e una guida per il filamento, sul portale thingiverse trovate comunque una miriade di pezzi e upgrade per la CR-10 già pronti e scaricabili gratuitamente…

Alcuni Upgrade da fare, quasi indispensabili:
-Protezione per i cavi del piatto https://www.thingiverse.com/thing:2186203
-Guida per il filamento https://www.thingiverse.com/thing:2186253
-Manopole per livellare il piatto https://www.thingiverse.com/thing:2408748

Software

I modelli in formato STL si possono trovare gratuitamente in rete, credetemi si trova veramente di tutto, il file STL però non basta, infatti è necessario convertirlo in formato GCode.
Il file GCode oltre ai paremetri in 3D del modello contiene anche tutte le istruzioni necessarie alla stampante per produrlo, troviamo la temperatura del noozle, il calibro del filamento scelto e le misure stesse del piatto e della stampante in uso. Per “generare” il file GCode si trovano vari software gratuiti e non, in dotazione noi troviamo un software molto noto nell’ambiente della stampa 3D, si chiama “Cura
La versione presente nella SD non è recentissima quindi vi consiglio di scaricarla direttamente dal sito della software house, clicca qui

I parametri per il profilo necessario alla Creality CR-10 potete copiarli da questi screenshot, sono gli stessi che ho impostato personalmente:

Consigli

  • Potete stampare direttamente su vetro ma è essenziale che il modello rimanga ben fissato al piatto, io mi sto trovando bene utilizzando la carta gommata e la lacca per capelli, basta spruzzarne un pò prima di iniziare, fino ad ora non ho avuto nessun problema
  • Sulla SD trovate il GCode per stampare il “Gatto” non usate quel GCode perchè corrotto… altrimenti dopo due ore di stampa vi ritroverete il modello da buttare perche scoprirete che sarà un “DecapitatedCat” 😀 (ho scoperto che è capitato a tantissimi.. è come una sorta di “iniziazione” al club)
  • Prima di acquistare del Filamento informatevi chiedendo pareri a chi ha già avuto modo di provarlo, è facile acquistare prodotti scadenti cercando il risparmio

Considerazioni Finali

Sono veramente contento e soddisfatto per aver avuto questa occasione, ringraziamo Gearbest e vi ricordiamo il coupon per avere la Creality CR-10 scontata a 336€

Coupon= GBCR10J

Coupon= 11nov131   Prezzo 310€

Arriveranno adesso tanti altri articoli, stavo pensando di eseguire alcuni upgrade, uno su tutti Octoprint
spero questa recensione vi sia piaciuta e vi invito ad acquistare questa fantastica, ma economica stampante 3D, abbiamo creato un gruppo su Facebook dove troverete altri possessori della Creality CR-10, curiosità e consigli per chi è alle prime armi (me compreso), al momento siamo in pochi… ma cresceremo!!!

Gruppo Facebook

Non dimenticate il canale Telegram di GEARBEST

La condivisione è sapere!! appassionato di tecnologia, di multirotori e di paesi Asiatici... Nel tempo libero mi occupo di ActionCam e Droni

  • Caro Marco, complimenti, sei un GRANDE😉 sei riuscito a “sbriciolare” in un articolo mesi di studi “matti e disperatissimi”😂.. Reduce da una SÒLA presa con la nuovissima Anet E10 (rivenduta all’istante, appena giunta, peraltro con danni per i quali oggi Paypal, dopo lunga attesa mi ha liquidato ben 50,00 euro..) mi accingo a riordinare la mia prima stampante 3D (all’epoca, luglio, era esaurita e quindi avevo optato per questa “novità”..) e volentieri cliccherò sul tuo link (dopo aver cancellato la cache del browser, ahah!)..
    Anche se, da quanto vedo, è un articolo un po’ fuori target rispetto al tuo sito, mi complimento ancora per la chiarezza espositiva e per l’utilità delle informazioni che hai fornito. BRAVO.

    • UPGRADE: appena presa😉 col tuo link (se vuoi in privato ti mando il codice di transazione.. fatti valere perché ci provano sempre😂)

      • Rispondo io al posto di Marco, che, beato lui, è in vacanza 😛
        Nella sezione Tech inseriamo un po’ di tutto, in pratica quello che compriamo per conto nostro.. anche perché comunque aiuta a far conoscere il blog!

      • Marco Fanuntza

        Grazie Alessio 😉 gentilissimo, sono contento l’articolo ti sia piaciuto, che dire… attendiamo che ti arrivi e condivideremo sul gruppo le nostre stampe!!!

        ps. si sono d’accordo con te la Anet E10 è una sola….. 😀

Vedi anche questo

INSVISION M – Nuovo gimbal per il vostro smartphone

INSVISION M – Nuovo gimbal per il vostro smartphone Per i video usiamo e prediligiam…