Da qualche giorno è comparsa in rete con insistenza la notizia che Xiaomi, con la sua divisione i Technology, abbia in mente di lanciare un nuovo modello di action cam, chiamato, perlomeno al momento, Yi 4K+ (plus).

Aggiornamento 08/01/2017: la XiaoYi 4K+ è realtà e ne conosciamo tutte le specifiche tecniche (qui il nostro articolo). Le informazioni riguardanti i vari processori però rimangono valide!

Noi di ActionCam Italia abbiamo deciso di aspettare per informarci meglio, evitando di copia-incollare le stesse informazioni che molti blog hanno trascritto quasi con le identiche parole. Purtroppo però gli sviluppatori di Yi Technology con i quali siamo in contatto non ci hanno né confermato né smentito la notizia, lasciandoci con un laconico e scherzoso (non erano infastiditi) “You know it when you know it” (lo saprete quando lo saprete).

Soffermiamoci sulla caratteristica principale e più evidente che questa nuova Yi 4K+ avrebbe, ovvero quella di poter registrare in 4K al notevole framerate di 60 fps.

Tralasciando le difficoltà di elaborazione in post-produzione date da un filmato così pesante e soffermandoci solo sui pregi, ci viene però da chiederci se tali prestazioni sono in realtà possibili al momento con una action cam che, ricordiamolo sempre, dovrebbe mantenere un prezzo piuttosto basso se paragonato a quello di cam di marchi più blasonati.

Per registrare in 4K a 60 fps occorre un processore in grado di supportare tale registrazione. Ma quali processori per action cam sul mercato riescono a farlo? Vediamoli un po’ insieme.
Le marche più note di processori sono Ambarella, Novatek e Qualcomm, sebbene esitano altre case a cui potersi rivolgere, come AllWin, Texas Instruments, HiSilicon e altre.

Ambarella

La scelta più ovvia sarebbe proseguire il percorso intrapreso finora e continuare la collaborazione con Ambarella, marchio noto per aver mosso entrambe le versioni della Xiaomi Yi presenti al momento e tutte le GoPro di fascia alta, perlomeno fino alla GoPro Hero 5 Black.
Ambarella H2
L’ultima creazione di Ambarella è il processore Ambarella H2 ed effettivamente sarebbe in grado di registrare in 4K a 60 fps, anzi sarebbe in grado di supportare addirittura il 4K a 120 fps! Possibile che Xiaomi opti per l’Ambarella H2 ma non lo sfrutti a pieno? Sinceramente ne dubito…

Ambarella H1Meglio allora scegliere il fratellino minore dell’H2, ovvero l’Ambarella H1. Questo SoC (System on a Chip) riesce a registrare appunto in 4K a 60 fps in AVC (H264) come pure a registrare in 4K a 30 fps in HEVC (H265), rendendolo decisamente idoneo per una futura nuova versione della Xiaomi Yi 4K.

Aggiornamento: in realtà è stato usato l’Ambarella H2! Leggete il nostro articolo con tutte le specifiche tecniche!

Novatekambarella novatek

In casa Novatek purtroppo non sembra esserci nulla di sufficientemente potente da poter garantire le prestazioni richieste: le notizie sul sito ufficiale infatti scarseggiano e anche indagando su internet non si trovano informazioni su un successore del noto NTK96660, che dovrebbe essere l’NTK96663. In ogni caso mi sembra abbastanza improbabile che un nuovo processore Novatek possa gareggiare con la serie H di Ambarella, mentre invece potrebbe competere con gli Ambarella A9 o anche A12, se Novatek ha deciso di spingere un po’ sull’acceleratore.
PS: nell’immagine a fianco mancano gli utlimi processori da ambo le parti: Ambarella H1, H2 e H12; Novatek 96660 e 96663.




Qualcomm

Del processore scelto da GoPro per la sua ultima Hero 5 Black non si sa molto ma sembrerebbe che la casa californiana abbia abbandonato, forse temporaneamente, Ambarella, trovando il giusto hardware da Qualcomm: sembra infatti che sia stato scelto il noto Qualcomm Snapdragon 800, SoC di qualche anno fa ma dalla potenza davvero ampia. Purtroppo però nemmeno questo processore è in grado di registrare in 4K a 60 fps.
Ma esistono degli Snapdragon in grado di farlo? Al momento… no… Nemmeno l’ultimo nato Snapdragon 821 permette il 4K a 60 fps, mentre invece dovrebbe essere la nuova generazione, a partire dallo Snapdragon 823 a permette tale accoppiata di risoluzione e framerate.
Possibile però che la Xiaomi Yi 4K+ sia potente quanto uno smartphone di ultimissima generazione? E il costo contenuto? Difficile, quasi impossibile, che la cam sia spinta da un processore Qualcomm.

Riassumendo, una Xiaomi Yi 4K+ in grado di registrare in 4K a 60 fps è attualmente possibile? La risposta è si, a patto di affidarsi ad un SoC di altissimo livello e quindi dal costo non così contenuto. La scelta sarebbe infatti obbligata tra Ambarella H1 e H2, mentre il sensore potrebbe rimanere quello equipaggiato dall’attuale Yi 4K, ovvero il Sony IMX377, che già consentirebbe il 4K a 60 fps.

Non resta quindi che aspettare il CES 2017, che si terrà a Las Vegas dal 5 all’8 gennaio 2017.

Xiaomi yi 4k+ plus

Che ne pensate? Xiaomi coglierà l’occasione di superare in potenza anche GoPro? O sono solo rumors e chiacchere da bar? Magari preferireste un’action cam che anziché puntare sul 4K puntasse su altri sensori, come GPS e dati telemetrici? Fatecelo sapere nei commenti qui sotto e sul nostro gruppo Facebook!

  • TheAlabek

    Speriamo, così la YI 4K cala e me la compro

Vedi anche questo

Eken H8R – La nostra recensione

In attesa della Eken V8S, rispolveriamo la recensione della Eken H8R, che per colpa mia pu…